fbpx

Alchimie 2019

San Leo ricorda Giuseppe Balsamo, conte di Cagliostro, attraverso una cena
in Fortezza, workshop, spettacoli e un mercatino alla scoperta di leggende,
tradizioni e miti legati alla notte dei tempi.
Tre serate (24, 25 e 26) animate anche da spettacoli piro-musicali che
renderanno tutti protagonisti attraverso atmosfere ed emozioni uniche che
cattureranno e coinvolgeranno in maniera nuova gli spettatori.

Animazioni e Spettacoli
Sabato 24, Domenica 25 e Lunedì 26 Agosto
ore 15.30 – 16.30 San Leo, Fortezza
Alla scoperta di Cagliostro (visite guidate)
Un viaggio nella storia e nelle leggende del personaggio.

Sabato 24 Agosto
Centro Storico
Sviolinate (Marta Pistocchi) – martapistocchi.wixsite.com
ore 17.30 Pozzo di Cagliostro
Il cerchio magico (Andrea Tettamanti) – ww.aurigateatro.com
ore 17.30 Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
I Misteri di Cagliostro (Stefano Paiusco) – stefanopaiusco.it
ore 18.00 Piazza Dante
In Volo (Giulio Linguit) – www.giuliolinguiti.it
ore 18.30 Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
Mastro bolla (Fabio Saccomani) – www.fabiosaccomani.com
ore 18.30 Giardino Belvedere
Sogno Blu (Aulò teatro) – www.auloteatro.it
ore 19.00 Itinerante
Luci negli Abissi (Duo Bum) – www.duobum.com
ore 19.30 Giardino Belvedere
Il cerchio magico (Andrea Tettamanti) – www.aurigateatro.com
ore 19.30 Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
ore 20.00 Mastro bolla (Fabio Saccomani)
www.fabiosaccomani.com – Giardino Belvedere
ore 20.00 Sviolinate (Marta Pistocchi)
martapistocchi.wixsite.com – Pozzo di Cagliostro
ore 20.30 I Misteri di Cagliostro (Stefano Paiusco)
stefanopaiusco.it – Piazza Dante
ore 20.30 In Volo (Giulio Linguiti)
www.giuliolinguiti.it – Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
ore 21.00 Performance site specific (Fabio Saccomani)
www.fabiosaccomani.com – Torre Campanaria
ore 21.30 Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
Musica delle sfere celesti
(da Choreographic Team Gynnis e Studio 111)
www.facebook.com/gynnisriminiwww.studio111render.com
ore 22.00 Itinerante
Sogno Blu (Aulò teatro) – www.auloteatro.it
ore 22.00 Giardino Belvedere
Luci negli Abissi (Duo Bum) – www.duobum.com
ore 22.00 Pozzo di Cagliostro
Sviolinate (Marta Pistocchi) – martapistocchi.wixsite.com
ore 22.30 Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
Il cerchio magico (Andrea Tettamanti)
www.aurigateatro.com
ore 22.45 dal Centro Storico
Dialoghi, fuochi e voce (spettacolo piro-musicale
di Fonti Pirotecnica e Alterecho)
www.fontipirotecnica.comwww.alterecho.it

Domenica 25 Agosto
Centro Storico
Sogno Blu (Aulò teatro) – www.auloteatro.it
ore 17.30 Itinerante
I Misteri di Cagliostro (Stefano Paiusco) – stefanopaiusco.it
ore 17.30 Piazza Dante
Luci negli Abissi (Duo Bum) – www.duobum.com
ore 18.00 Giardino Belvedere
Il Castello degli spaventi (Vladimiro Strinati)
www.vladimirostrinati.com
ore 18.00 Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
Sviolinate (Marta Pistocchi) – martapistocchi.wixsite.com
ore 18.30 Pozzo di Cagliostro
In Volo (Giulio Linguiti) – www.giuliolinguiti.it
ore 18.30 Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
Mastro bolla (Fabio Saccomani) – www.fabiosaccomani.com
ore 19.00 Giardino Belvedere
Sogno Blu (Aulò teatro) – www.auloteatro.it
ore 19.30 Itinerante
Il cerchio magico (Andrea Tettamanti) – www.aurigateatro.com
ore 19.30 Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
I Misteri di Cagliostro (Stefano Paiusco) – stefanopaiusco.it
ore 20.00 Piazza Dante
Luci negli Abissi (Duo Bum) – www.duobum.com
ore 20.30 Giardino Belvedere
In Volo (Giulio Linguiti) – www.giuliolinguiti.it
ore 20.30 Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
ore 21.00 Performance site speci c (Fabio Saccomani)
www.fabiosaccomani.com – Torre Campanaria
ore 21.00 Il Castello degli spaventi (Vladimiro Strinati)
www.vladimirostrinati.com – Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
ore 21.30 Il cerchio magico (Andrea Tettamanti)
www.aurigateatro.com – Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
ore 21.30 Sogno Blu (Aulò teatro)
www.auloteatro.it – Itinerante
ore 21.30 Sviolinate (Marta Pistocchi)
martapistocchi.wixsite.com – Pozzo di Cagliostro
ore 22.00 Giardino Belvedere
Mastro bolla (Fabio Saccomani) – www.fabiosaccomani.com
I Misteri di Cagliostro (Stefano Paiusco) – stefanopaiusco.it
ore 22.00 Piazza Dante
In Volo (Giulio Linguiti) – www.giuliolinguiti.it
ore 22.30 Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
Suggestioni tra colori e musica
(spettacolo piro-musicale di Fonti Pirotecnica e Alterecho)
www.fontipirotecnica.comwww.alterecho.it
ore 22.45 dal Centro Storico

Lunedì 26 Agosto
Centro Storico
Sviolinate (Marta Pistocchi) – martapistocchi.wixsite.com
ore 17.30 Pozzo di Cagliostro
I Misteri di Cagliostro (Stefano Paiusco) – stefanopaiusco.it
ore 18.00 Piazza Dante
La strega Morgana (Compagnia i Burattini della Commedia)
www.iburattinidellacommedia.it
ore 18.00 Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
ore 18.30 Mastro bolla (Fabio Saccomani)
www.fabiosaccomani.com – Giardino Belvedere
ore 19.00 Il cerchio magico (Andrea Tettamanti)
www.aurigateatro.com – Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
ore 19.00 Sogno Blu (Aulò teatro)
www.auloteatro.it – Itinerante
ore 19.30 Luci negli Abissi (Duo Bum)
www.duobum.com – Giardino Belvedere
ore 20.00 In Volo (Giulio Linguiti)
www.giuliolinguiti.it – Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
ore 20.00 Sviolinate (Marta Pistocchi)
martapistocchi.wixsite.com – Pozzo di Cagliostro
ore 20.30 I Misteri di Cagliostro (Stefano Paiusco)
stefanopaiusco.it – Piazza Dante
ore 21.00 La strega Morgana
(Compagnia i Burattini della Commedia)
www.iburattinidellacommedia.it
Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
ore 21.00 Performance site speci c (Fabio Saccomani)
www.fabiosaccomani.com – Torre Campanaria
Luci negli Abissi (Duo Bum) – www.duobum.com
ore 21.30 Giardino Belvedere
In Volo (Giulio Linguiti) – www.giuliolinguiti.it
ore 21.30 Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
Mastro bolla (Fabio Saccomani) – www.fabiosaccomani.com
ore 22.00 Giardino Belvedere
Sogno Blu (Aulò teatro) – www.auloteatro.it
ore 22.00 Itinerante
Il cerchio magico (Andrea Tettamanti) – www.aurigateatro.com
ore 22.30 Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo
Incendio della Fortezza
(spettacolo piro-musicale di Fonti Pirotecnica e Alterecho)
www.fontipirotecnica.comwww.alterecho.it
ore 22.45 dal Centro Storico

Il 24, il 25 e il 26 Agosto biglietto di ingresso al Centro Storico € 10,00 intero
€ 5,00 ridotto (dai 15 ai 18 anni). Gratuito fi no a 14 anni.
Il biglietto comprende anche l’ingresso alla Fortezza.
La Fortezza chiude alle ore 18.00 (ultimo ingresso alle ore 17.30). Con il biglietto
di AlchimiAlchimie 2019 potrai avere uno sconto di € 2,00 sul biglietto
intero della Fortezza (Promozione valida dal 27 Agosto al 31 Dicembre 2019).
Servizio navetta dai parcheggi alla biglietteria con vettore
privato (Autolinee Benedettini Giancarlo).
Nel Centro Storico stand gastronomici, street food, taverne e ristoranti per gustare le
prelibatezze della tavola.
Per informazioni:
Uffi cio Turistico IAT Tel. +39 0541 926967
Piazza Dante Alighieri, 14 – 47865 San Leo (RN)
info@sanleo2000.it | www.san-leo.it
Se anche tu sei su Facebook diventa fan della pagina Città di San Leo

Evento ideato e realizzato da San Leo 2000 Servizi Turistici s.r.l. e Comune di San Leo (RN)

(Commenting: OFF)

Il LAMPONE

Il Lampone (Rubus idaeus L.) è un arbusto appartenente alla famiglia delle Rosaceae, originario dell’Europa e di alcune zone dell’Asia. Il suo nome scientifico significa “rovo del monte Ida” perché secondo la mitologia greca i frutti venivano raccolti sull’isola di Creta, su cui sorge appunto il monte Ida, da Afrodite, dea dell’amore. Notizie di coltivazioni sono state trovate negli scritti di Palladio del IV secolo, e le sementi sono state scoperte nei resti delle fortificazioni romane in Gran Bretagna. Pertanto, si pensa che i Romani ne abbiano diffuso la coltivazione in tutta Europa[1],[3]. Nell’Europa medievale,le bacche selvatiche del Rubus idaeus venivano utilizzate per scopi medicinali e i loro succhi per dipinti e manoscritti. Oggi ci godiamo questi frutti come prelibatezze della natura da consumare sia come tali sia come ingredienti in molti piatti, salse, insalate e bevande.

I lamponi rossi contribuiscono al valore nutrizionale di una dieta. Sono tra le fonti alimentari più ricche di fibra, fornendone 6,5 g/100 g di peso fresco. Inoltre contengono Vitamina C, Magnesio e una varietà di altri nutrienti, come Potassio, Vitamina K, Calcio e Ferro. Oltre a ciò, sia nel frutto che nelle foglie di Rubus idaeus, troviamo componenti fitochimici con attività biologica documentata, molti dei quali inizialmente sono stati indagati per le loro proprietà antiossidanti in vitro. Alcuni di questi composti vengono ora riconosciuti per la capacità di influenzare le vie di segnalazione cellulare che influenzano i recettori, i trasportatori, l’espressione genica e altri eventi cellulari. Il pacchetto di nutrienti e componenti bioattivi forniti dal Rubus idaeus ne suggerisce un importante ruolo protettivo nella salute umana.

Per secoli, le foglie di Lampone sono state tradizionalmente utilizzate per curare vari disturbi di salute e indurre il travaglio durante la gravidanza[4]. Dal 1983, sono state incluse nella Farmacopea britannica nel 2012 l’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha pubblicato una monografia sulle foglie di Rubus idaeus.. Tuttavia, il contributo più notevole per la salute dell’uomo pare essere attribuibile alle loro proprietà antiossidanti. Contengono infatti polifenoli come flavonoidi e tannini; tra questi ultimi, che nella foglia secca raggiungono concentrazioni dal 2,5% al 6,9% (p/p), i composti principali sono gli acidi ellagici, che hanno dimostrato capacità di neutralizzare i composti cancerogeni e persino di contribuire all’autodistruzione delle cellule tumorali.
Ulteriori ellagitannini identificati in queste foglie sono i dimeri sanguiina H-6 e H-10, e i trimeri lambertianina D e lambertianina C, nonché il metil gallato. Il secondo gruppo più abbondante nelle foglie di Lampone è rappresentato dai flavonoidi. La quantità di flavonoidi nelle foglie di Rubus idaeus è significativamente superiore a quella dei frutti dove costituiscono invece solo una piccolissima frazione dei composti bioattivi. Troviamo poi piccolissime quantità di acidi fenolicidiversi dall’acido ellagico, tra cui principalmente caffeico e clorogenico, e terpenoidi, tra cui mono e sesquiterpeni, come terpinolene e 3-oxo-alfa-ionolo, nonché triterpeni, come alfa e β-amirina, squalene e cicloartenolo.

Le foglie di Lampone sono tradizionalmente usate in Europa per vari disturbi ginecologici, quali mestruazioni, travaglio e per disturbi del tratto gastrointestinale (diarrea). Altri usi tradizionali includono quello di gargarismo astringente e, meno spesso, per le condizioni croniche della pelle e per il trattamento della congiuntivite. La Monografia europea sulle foglie di Lampone ne ha approvato l’utilizzo come medicinale vegetale tradizionale per il sollievo sintomatico di spasmi minori associati alle mestruazioni, per il trattamento sintomatico di lievi infiammazioni di bocca e gola e per la diarrea.

Persona e benessere  0?ui=2&ik=a5dbed2b9b&attid=0 Il Lampone

Sono usate come tonico uterino e tè per la gravidanza, in generale, da almeno due secoli. Anche se questa pianta è spesso erroneamente raccomandata per indurre il travaglio, il suo ruolo attuale è quello di aumentare il flusso di sangue verso l’utero e aiutare le fibre muscolari uterine in una contrazione più organizzata. Gli studi indicano che alcuni componenti della pianta, come la fragrarina, un alcaloide, agiscono direttamente sulla muscolatura liscia. Ricerche sugli animali mostrano dati contrastanti in termini di effetto delle foglie di Lampone sulla muscolatura uterina. Alcuni studi mostrano un effetto contrattile, mentre altri mostrano un effetto rilassante. Gli usi storici includono la prevenzione dell’aborto, la prevenzione della gravidanza post-termine[18]. Le foglie di Lampone, inoltre, erano probabilmente consumate come supporto nutrizionale perché, come abbiamo visto, la pianta contiene molte sostanze nutritive. Nel complesso, dalla letteratura scientifica disponibile, preparazioni a base di foglie di Lampone sembrano ridurre il rischio di gravidanze post-termine e sono sicure per l’uso generale. Uno studio randomizzato controllato condotto su 192 donne non ha mostrato effetti avversi per la madre o il bambino, evidenziando una seconda fase del travaglio più breve (una differenza media di 10 minuti) e uno scarso tasso di utilizzo del forcipe. Oltre a questi lavori in ambito prettamente ginecologico, numerosi studi testimoniano altre sorprendenti proprietà delle foglie di Rubus idaeus, tra cui soprattutto una spiccata attività antiossidante, più forte dei rispettivi estratti di foglie di more; la capacità antiossidante è dovuta principalmente al contenuto in antociani e ellagitannini che contribuiscono rispettivamente per circa il 25% e il 52% all’attività antiossidante totale[24]. Si ritiene che le antocianine del Lampone inibiscano l’attivazione del complesso NF-KB grazie all’effetto inibitorio sull’espressione di NOX 1 (NADPH ossidasi di tipo 1), enzima che svolge un ruolo cruciale nelle fasi precoci dello sviluppo dell’aterosclerosi e nel diabete mellito. Inoltre, su colture di cellule epiteliali di carcinoma laringeo umano, Hep2, le foglie di Lampone hanno dimostrato capacità di aumentare i livelli di Glutatione.
Forti evidenze suggeriscono per la pianta del Lampone attività chemiopreventiva e chemioterapica attraverso la modulazione di più bersagli molecolari. Il suo potenziale antitumorale è stato correlato, almeno in parte, proprio alla ricchezza in antociani antiossidanti: nella via intrinseca, il trattamento delle cellule cancerose con antociani si traduce in un aumento del potenziale di membrana mitocondriale, del rilascio del citocromo c e della modulazione delle proteine anti-apoptotiche caspasi-dipendenti. Nel percorso estrinseco, le antocianine modulano l’espressione dei fattori pro-apoptotici FAS e FASL (ligando FAS) nelle cellule tumorali con conseguente apoptosi. Numerosi lavori hanno studiato l’effetto delle antocianine nei trattamenti antitumorali, evidenziando che possono agire sulle funzioni cellulari di base legate allo sviluppo del cancro e inibire la crescita dei tumori inducendo l’arresto del ciclo cellulare e promuovendo l’apoptosi. In diversi lavori si è osservato che il Lampone influenza i fattori di rischio della malattia cardiovascolare agendo sia su quelli emergenti, quali stress ossidativo, infiammazione e funzione endoteliale, sia sui tradizionali, quali lipidi, lipoproteine e pressione sanguigna; l’acido ellagico, il principale prodotto di degradazione degli ellagitannini, sembra contribuire in maniera rilevante a questi effetti. Come ulteriore conferma, studi in vitro hanno evidenziato per l’estratto di foglie di Lampone attività antipiastriniche sul sangue intero, dove i neutrofili giocano un ruolo fondamentale nel mediare questo loro effetto. Nonostante infatti non ostacoli il metabolismo ossidativo dei neutrofili né influenzi l’espressione dei recettori per i neutrofili, l’estratto di foglie di Lampone si dimostra in grado di ridurre il livello di specie reattive dell’ossigeno prodotte dai neutrofili. Questi risultati, combinati con le già note interazioni dei composti polifenolici (molto presenti nelle foglie di Lampone) con la via purinergica dell’attivazione piastrinica, possono complessivamente spiegare gli effetti inibitori sull’aggregazione piastrinica.
Altro aspetto importante è quello relativo alla sua attività antidiabetica: numerosissime evidenze suggeriscono che componenti del fitocomplesso del Lampone hanno un effetto che potrebbe essere clinicamente rilevante nella prevenzione e/o nella gestione del diabete. Studi in vitro e dati su animali in vivo hanno dimostrato azioni antiossidanti, antinfiammatorie e insulino-sensibilizzanti nei tessuti chiave, in particolare nel tessuto adiposo. Queste attività hanno portato a una riduzione della glicemia e delle proteine glicate. Infine, i chetoni del Lampone hanno negli ultimi anni attirato l’attenzione per il loro potenziale antiobesogeno. L’interesse è stato sollecitato da una ricerca del 2005 condotta sui roditori che ha rilevato una riduzione dell’aumento di peso dopo 5 e 10 settimane di supplementazione con chetoni del Lampone (2% della dieta) in una concomitante dieta ricca di grass. Lo studio che, come indicato dagli autori, prendeva spunto dal riconoscere somiglianze strutturali con capsaicina e sinefrina, composti noti per esercitare azioni antiobesogene e alterare il metabolismo lipidico, ha evidenziato che la supplementazione con chetoni del Lampone ha prevenuto l’aumento del peso corporeo e dei livelli di tessuto adiposo epatico e viscerale (epididimo, retroperitoneale e mesenterico) indotto dalla dieta iperlipidica. Inoltre, il contenuto di triacilglicerolo epatico è stato ridotto, mentre la lipolisi indotta dalla noradrenalina è risultata significativamente aumentata nelle cellule adipose dell’epididimo di ratto portando gli autori a concludere che i chetoni del Lampone prevengano e migliorino obesità e steatosi epatica, alterando il metabolismo dei lipidi e in particolare aumentando la lipolisi indotta dalla noradrenalina negli adipociti bianchi. Lavori più recenti, condotti su adipociti (cellule 3T3-L1) hanno confermato gli effetti dei chetoni del Lampone sul metabolismo lipidico degli adipociti, incluso l’aumento della lipolisi, l’ossidazione degli acidi grassi e l’inibizione dell’accumulo di lipidi. A ciò si aggiunge, un lavoro del 2018 che ha dimostrato come la supplementazione concomitante di chetoni del Lampone con un regime dietetico a ridotto introito calorico moduli efficacemente i cambiamenti neurodegenerativi indotti dall’obesità e ritardi la progressione della malattia di Alzheimer. 

Pertanto, il fitocomplesso presente nell’estratto di foglie di Lampone, alla luce delle evidenze riportate in letteratura, rappresenta non solo un alleato della donna per i disturbi del ciclo mestruale e l’azione riequilibrante ormonale, ma, grazie all’attività antiossidante, antinfiammatoria e stabilizzante metabolica, riveste un importante ruolo di promozione della salute nel modulare il rischio di malattie croniche moderne, in particolare diabete mellito, obesità, malattie cardiovascolari e neurodegenerative, che condividono legami metabolici, ossidativi e infiammatori.

Utili associazioni sono con:
– EIE Olivo per l’azione antiossidante, ipotensiva e ipolipemizzante
– EIE Sati’ per l’attività ipoglicemizzante e di recupero della corretta sensibilità insulinica
– EIE Boswellia per le problematiche dismetaboliche, l’azione neuroprotettiva e la prevenzione
antitumorale
– EIE AgnocastoEIE Salvia e EIE Withania per la loro azione sinergica nei disturbi legati al periodo
del climaterio
– EIE Galanga per l’azione neuroprotettiva e la prevenzione antitumorale.

Scopri come acquistarlo su: https://www.erboristeriasanmarino.com/Prodotto/estratto-lampone/

(Commenting: OFF)

Quarzi Maestri

Nel meraviglioso mondo dei Cristalli e della loro speciale luce esiste un gruppo di quarzi con delle proprietà
ancora più particolari, che non a caso vengono riconosciuti come Quarzi Maestri.
In letteratura sono rintracciabili diverse modalità di classificarli e differenti maestranze riscontrabili: come
sempre in questi casi non ce n’è una più giusta delle altre e si tratta semplicemente di sentire quale entra
meglio in risonanza con noi. Nell’insegnamento che ho ricevuto e che ho fatto mio, sono previste 12
maestranze per questi cristalli speciali, alle quali recentemente ho aggiunto la tredicesima a seguito di un
incontro fulminante con quello che a pieno titolo ho riconosciuto come maestrA.
Il numero delle maestranze ha già in sé parte del loro significato. Dodici è un denominatore comune a tutti i
numeri che sulla Terra misurano il Tempo: sono 12 i mesi dell’anno, due cicli da 12 ore formano le 24 ore
che il Sole impiega nel suo moto apparente intorno alla Terra, i minuti in un’ora e i secondi in un minuto
sono cinque volte 12, ovvero 60. In questo senso i quarzi maestri sono doni per questa dimensione e
ricordano quali doni ci siano stati fatti e di quali maestranze siamo portatori in quanto Anime Incarnate e la
responsabilità di realizzarli nel rispetto dello Spazio e del Tempo che regolano la vita sulla Terra. Essere
Anime che hanno scelto di Incarnarsi ha una doppia valenza che è essenziale ri-cor-dare sempre: non siamo
il nostro corpo, ma abbiamo scelto di vivere l’esperienza sulla Terra, per cui dobbiamo vivere nel rispetto di
esso e delle regole a cui è assoggettato. Dal mondo minerale arriva un grande promemoria di questa nostra
natura, con i quarzi maestri. Anche l’ultimo aggiunto alla famiglia ha nella sua posizione di arrivo parte del
suo significato: è il tredicesimo maestro. Se il numero dodici rappresenta il tempo misurato in base al moto
della Terra intorno al Sole, archetipo del maschile, tredici sono il numero di cicli lunari in un anno, ovvero il
tempo femminile. Il tredicesimo maestro rappresenta l’essenza del femminile, è chiamato infatti Grande
Madre, a ricordarci la matrice cristallina da cui proveniamo.
Non tutti i cristalli e non tutti i quarzi possono essere maestri, ma solo i quarzi ialini, fumè, citrini, morioni,
ematoidi e ametista. A seconda del tipo di cristallo, sarà diverso il nodo da sciogliere per trasformarlo nel
dono della o delle maestranze di cui è portatore. Ogni cristallo può essere portatore di una o più delle
tredici caratteristiche che elenco di seguito ad eccezione delle ultime due che si manifestano come uniche:
1. Quarzo Generatore: ci ricorda la responsabilità di essere dei punti di Luce;
2. Quarzo Iside: ci aiuta a rinascere dalle proprie ceneri;
3. Quarzo Canalizzatore: ci mette in contatto con i messaggi dall’Universo;
4. Quarzo Trasmettitore: ci spinge a diffondere ciò che sappiamo;
5. Quarzo Gemello Tantrico: equilibratore degli opposti;
6. Quarzo Dow: sintesi perfetta di canalizzatore e trasmettitore;
7. Quarzo Time Link: per viaggiare nel tempo;
8. Quarzo Finestra: per fare entrare nuova luce;
9. Quarzo Tempio Devico: per avvertire la presenza di angeli e spiriti di Natura;
10. Quarzo Famiglia: per vivere le differenze nei gruppi con tolleranza;
11. Quarzo Cattedrale: per vivere ogni aspetto della nostra vita come sacro;
12. Quarzo Elestiale: il quarzo che spolpa e lascia sola la struttura essenziale, via il superfluo;
13. Quarzo Grande Madre: per ritrovare la matrice cristallina che ci ha generato.
Ciò che fisicamente li rende riconoscibili sono delle caratteristiche legate alla forma naturale in cui la pietra
ha cristallizzato, come, ad esempio, il numero di lati della faccia principale della punta o l’inclusione di
acqua al suo interno. Per classificarli correttamente è necessario conoscere queste caratteristiche fisiche,
ma la conferma in ultimo avviene sempre utilizzando il proprio sentire e chiedendo al quarzo la propria
identità, che sarà unica per ogni esemplare.

Al Quarzo Rosa sono presenti diversi Quarzi Maestri selezionati con amore da Nazzarena e classificati da me
tramite lo studio fisico delle pietre, la connessione energetica con esse e, in ultimo, la conferma tramite
pendolo.
Alle maestranze elencate si aggiungono delle caratteristiche che possono essere rilevabili e che lavorano a
sostegno della maestranza che sono: fantasma, lucchetto e lemuriano.
L’incontro con i quarzi maestri è ciò che più li differenzia dagli altri esseri del mondo minerale. Essi infatti
sono difficilmente acquistabili decidendo a priori di quale maestranza necessiteremmo; il quarzo maestro
arriva in autonomia quando ne abbiamo più bisogno; entrando in un negozio di cristalli saremmo attratti da
quello sicuramente giusto per noi in quel momento (provare per credere!). La loro velocità di
comunicazione è un’altra peculiarità: appoggiandone uno sul cuore o sul terzo occhio e rimanendo in
ascolto, il messaggio arriverà in breve tempo e sarà conciso e diretto. In questo senso è molto significativa
la metafora che il mio insegnante di Cristallopratica utilizza per introdurli: se paragoniamo i cristalli agli
angeli, ovvero a dei messaggeri che ci indicano una via da percorrere, i quarzi maestri sono arcangeli, che
arrivano velocemente e ci spingono verso una via rendendoci responsabili della scelta di vivere nel Bene.
Per chi volesse approfondire questo argomento la cosa più semplice da fare è provare!
Durante uno dei trattamenti che propongo con cadenza quindicinale al Quarzo Rosa è possibile entrare in
contatto con uno di questi esseri luminosi e in negozio (o sul sito) ne troverete una vasta selezione.
Claudio

(Commenting: OFF)
Show More Posts