Settembre, tempo di depurazione.

Il Carciofo. Cynara scolymus. Il Carciofo, un ortaggio dalle importanti proprietà che non può mancare dalle nostre tavole per depurare fegato e sangue, dimagrire, tenere sotto controllo l’insulina.

Naturalmente nei negozi del naturale si può trovare sotto forma di estratti, tinture madri e/o composti per favorire facilmente una buona depurazione e salvaguardare uno stato di buona salute per l’inverno.

Appartiene alla famiglia delle composite, dal sapore amaro, acido, la pianta del carciofo, originaria del nord Africa, è diffusa in tutte le zone del Mediterraneo in orti campi e giardini.

I principi attivi: cynarina, cynaropicrina, inulina, Sali di k, Ca e Mg, acidi organici, flavonoidi, mucillagini, derivati della luteolina, enzimi ipoglicemizzanti.

Epatoprotettore, eupeptico, coleretico, colagogo, azione antitumorale ipoglicemizzante, diuretico ipocolesterolemizzante, attiva il metabolismo, disintossicante, depurativo, diuretico ipotensivo.

 

Le proprietà e gli effetti benefici del carciofo sull’organismo sono tante: la pianta era conosciuta ed utilizzata per le sue salutari proprietà fin dagli antichi Egizi, e da Greci e Romani. Il carciofo che portiamo in tavola è in realtà un fiore, la sua stagione va dall’autunno alla primavera, indicativamente da Ottobre a Giugno, ed è da sempre un ortaggio molto apprezzato anche per il gusto oltre che per le sue virtù benefiche per il nostro benessere.

è’ ricco di ferro, ha un buon valore nutritivo, è ipocalorico; contiene elementi minerali preziosi come il sodio, il potassio, il fosforo, il calcio, le vitamine (A, B1, B2, C), l’acido malico e l’acido citrico, tannini e zuccheri, costituiti per lo più da insulina e quindi permessi anche ai diabetici.

Il tipico gusto amarognolo che caratterizza il carciofo è dato dalla cynarina, un principio attivo dalle qualità benefiche che stimola fegato (è colagogo) e cistifellea, fluidifica la bile, abbassa il colesterolo e depura il sangue. Il carciofo è molto digeribile (soprattutto se consumato crudo), è un tonico epatico e cardiaco diuretico, è un buon depurativo del sangue, aiuta a dissolvere i calcoli, ha funzioni disintossicanti, regola le secrezioni biliari. Grazie all’inulina, una sostanza che favorisce la crescita dei bifidobatteri (i batteri buoni della flora intestinale) il carciofo regolarizza anche la funzione intestinale. Contiene inoltre i polifenoli che si conservano anche con la cottura al vapore. Uno studio pubblicato sulla rivista “Nutrition and Cancer” ha rilevato inoltre che i polifenoli del carciofo possono contrastare l’azione ossidativa dei radicali liberi e interferire con i processi molecolari che favoriscono le trasformazioni tumorali. La buona quantità di potassio contenuta nel carciofo lo rende inoltre un efficace diuretico utile a combattere la formazione di calcoli renali e biliari. L’alto contenuto di fibre e mucillagini lo rende inoltre un ottimo lassativo, praticamente un rimedio naturale.

 

Il consumo di carciofi è sconsigliato alle nutrici, (inibisce la secrezione lattea).

Views: (4366)